noiisola

Just another WordPress.com site

Ato Rifiuti Pa 1, la regione impone entro il 30 giugno il transito dei comuni nelle Srr Carini, scarichi abusivi: controlli serrati nel torrente Italtel

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Ato Rifiuti Pa 1, la regione impone entro il 30 giugno il transito dei comuni nelle Srr Carini, scarichi abusivi: controlli serrati nel torrente Italtel

  1. Ato Rifiuti Pa 1, la regione impone entro il 30 giugno il transito dei comuni nelle Srr
    22 maggio 2012 – 14:45 Una circolare esplicativa dell’assessorato regionale all’energia e ai servizi di pubblica utilità, impone ai comuni e alle società d’ambito in liquidazione di costituire entro il prossimo 30 giugno le cosiddette srr. Il presidente dell’Ato Palermo 1, Antonio Geraci, ha così convocato i sindaci per informarli della novità che preoccupano tutti gli amministratori. I primi cittadini fanno fatica a versare mensilmente le somme dovute alla Servizi Comunali Integrati che sta garantendo il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, solo grazie alle anticipazioni di cassa elargite dalla Regione. Ma l’ennesima emergenza rifiuti nell’intero comprensorio è ormai dietro la porta; tra meno di due settimane la società non avrà i fondi per garantire gli stipendi al personale, dipendente ed interinale, né tantomeno potrà garantire le ditte che forniscono gli automezzi a noleggio né i costi di conferimento nella discarica di Siculiana. Ma come si farà a transitare verso il nuovo sistema della gestione integrata del ciclo dei rifiuti in Sicilia vista la grave situazione finanziaria che negli enti locali permane ormai da mesi? I sindaci sperano di tornare a gestire autonomamente il servizio attraverso alcuni progetti sperimentali già adottati e che alla luce di questa nuova circolare vanno ripresentati entro il 31 maggio. Il Comune di Carini in tal senso si è associato a Capaci e Torretta, quello di Giardinello con Montelepre, Partinico con Borgetto e così via
    Carini, scarichi abusivi: controlli serrati nel torrente Italtel
    22 maggio 2012 – 13:58 Mentre la Procura di Palermo sta cercando i responsabili del disastro ambientale che ha indotto il Pm Geri Ferrara a sequestrare 11 scarichi fognari, 9 del Comune di Carini e 2 del Consorzio Asi, lungo la costa che da torrente ciachea al Villaggio dei pescatori, stamane il Comando di Polizia Municipale di Carini ha avviato una serie di controlli serrati lungo il torrente Italel per individuare e denunciare eventuali cittadini perseguibili. Ad annunciarlo è il sindaco di Carini, Giuseppe Agrusa, iscritto nel registro degli indagati assieme al rappresentante legale dell’Asi Pietro Sciortino e al funzionario comunale Giuseppe Randazzo. I reati ipotizzati nei loro confronti sono il danneggiamento aggravato, il getto di cose pericolose, il danneggiamento di bellezze naturali. I pm stanno valutando se indagare anche i sindaci di Capaci, Torretta e Isola delle Femmine. L’inchiesta ha accertato un grave livello di inquinamento dei torrenti Milioti, Ciachea e Vernagallo. Il primo cittadino di Carini non si dice preoccupato
    http://www.teleoccidente.it/wp/archives/27028

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: